Il momento “giusto” nella vita non esiste, nella fotografia sì